cat-374909_640

Vomito nel gatto: capire le cause e le possibili malattie

Il vomito nel gatto è un’esperienza abbastanza frequente rispetto a noi umani. Basti pensare che, mediamente, un gatto può vomitare anche 3 volte al mese senza cause apparenti e stare benissimo. Ovviamente, il tutto va distinto in base alla frequenza. Se il vomito è raro, sicuramente alla base non c’è nulla di grave, mentre se capita di frequente allora bisognerebbe indagare la causa.

Perché il gatto vomita

Capire perché il micio vomita non è semplice. Nei casi più semplici e sporadici, un gatto può semplicemente vomitare perché ha mangiato troppo, perché ha un bolo di pelo sullo stomaco o perché ha mangiato l’erba nel giardino, che non di rado pulisce lo stomaco del felino e lo fa vomitare. Bisogna anche distinguere il vomito dal rigurgito. Nel primo caso il gatto emetterà dei conati e vomiterà cibo parzialmente digerito contraendo la pancia. Il rigurgito è il buttare fuori cibo mangiato da poco e fermo nell’esofago. Capita, ad esempio, quando il gatto mangia le crocchette e non le mastica che dopo poco le rigurgiti quasi intere.

Le cause del vomito, insomma, possono essere davvero tante. Nei casi non gravi, ad esempio, tra le cause troviamo appunto l’aver mangiato molto velocemente o aver bevuto troppo, oppure aver giocato tanto dopo aver mangiato, aver mangiato cibo avariato, aver mangiato erba o avere boli di pelo.

Molto diverso è quando il vomito diventa frequente, ossia capita quasi ogni giorno. In questo caso, oltre a portarlo subito dal veterinario, è necessario capire le cause di ciò. Ad esempio se il gatto ha diarrea, febbre, dimagrisce, beve tanto, è apatico, non mangia, è debole e dorme spesso, sicuramente il problema è grave. In tal caso il gatto potrebbe avere dei parassiti intestinali, gastrite, Gastroenteriti batteriche o virali, ostruzioni, Insufficienza renale, diabete, infiammazioni al fegato o pancreas, tumori, fecalomi e via dicendo. È quindi importante non trascurare il vomito se frequente.

0 comments on “Vomito nel gatto: capire le cause e le possibili malattieAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *