cat-1337076_640

Gatto che beve tanto: cause e malattie da non sottovalutare

Perché il gatto beve tanto? In realtà i mici sono animali che, tendenzialmente, non bevono tanto perché ottengono i liquidi necessari dal cibo umido e quindi bastano fino a 40 ml di acqua ogni mezzo kilo di peso per star bene. Se invece il gatto tende a bere più del solito e continuamente bisogna preoccuparsi in quanto il micio potrebbe soffrire di polidipsia, un disturbo che porta il gatto a bere molto e produrre tanta urina. Questa patologia può essere il sintomo di altre malattie ben più gravi, come l’insufficienza renale, patologie del fegato, diabete e via dicendo. Se notate che il vostro gatto beve più del solito e fa tanta pipì, potrebbe soffrire di qualche patologia più o meno seria e quindi è opportuno portarlo dal veterinario.

Perché il gatto beve tanto, possibili malattie

Un gatto che beve tanto può soffrire di alcune problematiche legate agli ormoni, il diabete, i reni, le ghiandole surrenali e tiroidea. Certamente oltre al bere molto, il padrone potrebbe notare altre anomalie, ad esempio se il gatto ha appetito, se emana cattivi odori, se ha preso farmaci o se urina per casa. In poche parole se notate che il gatto beve troppo da 2 o 3 giorni, non allarmatevi, perché magari il micio mangia più cibo secco e quindi potrebbe avere più sete, ma se la cosa inizia ad andare avanti da più di una settimana è necessario portarlo dal veterinario per escludere malattie e curarlo. Non aspettate un mese!

Tra le tante malattie legate al bere tanto nel gatto e la conseguente polidipsia ci sono il diabete mellito o insipido, l’insufficienza renale, problemi al fegato, iperadrenocorticismo e ipoadrenocorticismo. Casi meno gravi sono legati a situazioni come l’assunzione di farmaci che possono provocare la sete eccessiva o cause psicogene. In ogni caso è necessario portare il gatto dal veterinario che attraverso la visita ed esami, se richiesti, riuscirà facilmente a trovare il problema.

0 comments on “Gatto che beve tanto: cause e malattie da non sottovalutareAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *