ginger-cat-650545_640

Gatto a casa per le vacanze: quanto può rimanere solo e cosa fare

Quanto possono rimanere da soli i gatti? Viaggiare con i gatti non è semplice. I felini, al contrario dei cani, sono molto abitudinari e non amano essere spostati. Se dovete partire per una vacanza, sarebbe preferibile lasciarli nelle mani di un vicino molto paziente o di un vostro familiare. Se dovete stare fuori solo 2 o 3 giorni, il gatto può rimanere a casa da solo, se il soggiorno si prolunga sarebbe opportuno portarlo a casa di un vostro familiare o amico, che abbia tempo e voglia di prendersene cura per qualche giorno. Ecco cosa fare.

Gatti e vacanze, quanto possono rimanere a casa soli?

I gatti sono animali casalinghi e possono stare benissimo a casa da soli per ore. Se dovete uscire la mattina e tornate di sera non c’è nessun problema, purché abituiate il micio sin da piccolo e magari, oltre al cibo, l’acqua e la cassetta, gli lasciate dei giochini sparsi in casa per fargli passare il tempo. Se dovete partire per 2/3 giorni il micio può ugualmente stare a casa da solo, ma l’importante è che una persona fidata passi spesso a controllarlo e si occupi di dargli da mangiare, pulirgli la cassetta e fargli compagnia. Basterebbe anche che rimanga con lui 30 minuti al giorno. Se può passare 2 volte al dì sarebbe meglio, ma anche una volta è sufficiente purché il cibo basti per un intera giornata.

Se dovete rimanere rimanere fuori più giorni, tipo una settimana o due, sarebbe meglio che il gatto sia accudito da un vostro familiare, portandolo a casa sua. In questo caso è necessario abituare il gatto fin da piccolo a questi spostamenti periodici, in modo che familiarizzi a rimanere alcuni giorni a casa di un’altra persona. Se lo abituate fin da piccolo, crescendo il micio non sentirà troppo stress ogni volta che dovete spostarlo. L’importante è che nella casa in cui lo portate si sente amato e venga accudito in attesa del vostro ritorno.

0 comments on “Gatto a casa per le vacanze: quanto può rimanere solo e cosa fareAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *