I gatti sanno dire grazie: comportamenti e segni da ricordare

Non è difficile capire come un gatto ci dice grazie o ci dimostra affetto. A differenza dei cani che manifestano la loro riconoscenza in maniera abbastanza vistosa, il gatto è un animale discreto. Ciò però non significa che non ci vuole bene ne tanto meno che non vuole dirci grazie. Anche i felini hanno dei precisi modi di ringraziarci, magari perché gli abbiamo dato la pappa, oppure perché giochiamo con loro e gli diamo attenzioni. Se siete curiosi di scoprire come il gatto ci dimostra amore, continuate la lettura dell’articolo.

Anche il gatto sa dire grazie

Uno dei modi più facili per vedere se il gatto ci sta ringraziando è toccare il suo corpo o addrizzare le orecchie per percepire le fusa. Le fusa del gatto sono suoni noti che testimoniano lo stato di grazia in cui si trova il micio. Se oltre alle fusa si struscia anche su di noi, è assodato che è in uno stato positivo e sicuramente ci sta ringraziando o dimostrando riconoscenza. Altri segni da non sottovalutare è quando il micio ci lecca le mani o tende a mordicchiarle senza fare male. Anche quello è un sego di riconoscenza, soprattutto se lo fa nel momento in cui magari stiamo giocando con lui. Per i felini le attenzioni sono fondamentali: giocare, accarezzarlo, dargli il cibo, pulirgli la lettiera. Sono tutti piccoli gesti per cui difficilmente lui rimarrà indifferente.

Da non sottovalutare neppure il fare la pasta. Se stiamo stesi e lui/lei inizia a muoversi con le zampette, possiamo essere certi che si fida spassionatamente di noi e magari vuole anche ringraziarci. Un gesto tipico è quello di mettersi a pancia all’aria. Quando accade, possiamo avere la certezza che si tratta di un gesto di stima e se lo fa dopo aver mangiato, sicuramente è sazio e si sente bene. Vuole dirci grazie.

0 comments on “I gatti sanno dire grazie: comportamenti e segni da ricordareAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *